Le lettere dal Comune dell’Aquila: tanto so soldi nostri

novembre 4, 2009 on 10:28 pm | In Catastrofe, L'Aquila Bella Me, Politica | 3 Commenti

Oggi ho avuto la lettera di conferma della rinuncia al progetto C.A.S.E.

Non sto certo a giudicare l’utilità della stessa, solita burocrazia italica che mi starebbe benissimo in questa circostanza.
Non è accettabile che venga mandata una lettera in una busta, non nel classicissimo formato standard DL (11 x 22 cm) per un A4 piegato in tre parti, ma C5 (16,2 x 22,9 cm) con un foglio A4 piegato in due (cfr. voce Busta).

Cos’è, pigrizia del ripiegarle?
Oltre ad essere più costose le buste stesse, le Poste Italiane timbrano ben 1,40 euro invece dei 60 cents della posta prioritaria.

Tutto questo per scrivere ben due righe, di certo non un papiro. Tra l’altro col timbro e neanche la firma del sindaco.

Moltiplicate per tutti…ci rifacciamo un asilo a momenti.

Tanto so soldi nostri, quindi di nessuno …che ci frega.

Lettera di rinuncia

Lettera di rinuncia

Be Sociable, Share!
Patrizio

3 Comments »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. Se non facevi domanda per le C.A.S.E., visto che poi hai rinunciato (probabilmente perchè non avevi i requisiti e hai cercato di fare il furbo), ci sarebbe stato un risparmio sia di soldi che di tempo…..

    Comment by il capoluogo — 5 novembre 2009 #

  2. Non dovrei manco giustificarmi con una persona che, neanche firmandosi, si permette di insinuare tale infamia senza avere alcun fondamento.

    Ma siccome non ho nulla da nascondere posso semplicemente affermare che il mio rifiuto è dovuto a
    a) mancato rispetto delle mie preferenze di localizzazione
    b) tempi: il “mio” lotto non è ancora stato consegnato, nonostante i proclami e dichiarazioni ufficiali….ritardi continui.

    La perdita di tempo è stata causata a me, perchè se avessi saputo a maggio o giugno la realtà sarei tornato subito e non a fine settembre.

    Così come se l’ingegnere e l’amministratore si fossero occupati del mio stabile e permesso agibilità in corso d’opera.

    Non ho altro da aggiungere ad un commento tanto ignobile, semplicemente provocatorio e privo di ogni fondamento.

    Saluti.

    Comment by Patrizio — 5 novembre 2009 #

  3. La gente che parla a vanvera, è capace di mandare le persone in galera…

    Comment by Emanuela — 8 novembre 2009 #

Leave a comment

XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Powered by WordPress with Pool theme design by Borja Fernandez.
Entries and comments feeds. Valid XHTML and CSS. ^Top^