L’Agibilità è un’opinione non un tecnicismo

settembre 13, 2009 on 12:46 pm | In Catastrofe, Informazione, L'Aquila Bella Me, Politica | 6 Commenti

TUTTA ITALIA DEVE SAPERE COSA STA SUCCEDENDO a L’Aquila

Nei giorni di settembre stiamo assistendo al palesarsi di cose che i comitati (a partire da 3e32, ma anche gli altri) e i cittadini *leggermente* svegli e non abbindolati dal PartitoAzienda, MediasetPremium e le sue inutili menzogne, cose che, dicevo, erano state dette e ridette.

1) le scuole così com’è la situazione non possono riaprire il 21 Settembre. La promessa demagogica di Bertolaso “il 21 suoneranno TUTTE le campanelle di L’Aquila e chiederemo a tutte le scuole di Abruzzo di aspettarle” ovviamente non sarà rispettata.
Bimbi in container o doppi turni non sono una SOLUZIONE umana.

2) le C.A.S.E non bastano. Inutile fare tutte case per 4 persone, e poi chiedere, a posteriori, alle ditte di dividerle in due per fare due minilocali per coppie! Venire a dire “non ci aspettavamo un numero così grande di sfollati” qua si è passata un’estate intera a fare censimenti e questionari sa di presa in giro.
Che non si sappia contare? “Lo sanno tutti che lo 0 non è un numero” diceva l’ingegner Cane!

3) anche dividendole non basterebbero lo stesso!!!!!!!!!

4) inadeguata preparazione di piani alternativi. Solo ora si approntano le casette di legno, temporanee, che se approntate a maggio avrebbero evitato a migliaia di persone di stare a 40°C intenda e risparmiato viaggi agli sfollati sulla costa.
Intanto il conto spese ha girato tutta l’estate con campi tenda dal costo quasi superiore agli alberghi.

Ma, ovviamente, noi abbiamo la Protezione Civile migliore del mondo.

Detto questo TUTTA ITALIA DEVE SAPERE COSA STA SUCCEDENDO.

Per accelerare un rientro, ostacolato in ogni modo durante l’estate, tramite procedure burocratiche assurde, mancanza di moduli, di prezziari etc è stata emanata una circolare che permette
a) agibilità parziale per gli edifici non agibili. Ovvero qualche appartamento sì, qualcuno no…anche se l’ingresso principale è disastrato, anche se il primo piano è esploso…fa nulla gli altri sono ok. Riattaccare il gas a edifici non in perfette condizioni, rischiando l’incolumità di persone scampate alla tragedia del 6 Aprile.
anche senza aver fatto lavori.
Cioè, per 5 mesi e passa la gente non poteva rientrare, ora all’improvviso, è sufficiente scopare per terra, rimuovere un po di polvere e tutto è ok.

b) si può stare nelle case durante i lavori, così respirando un po di vernice e polvere, con qualche impalcatura pericolante. il numero degli sfollati potrà scendere grazie alla selezione naturale.

Ovvero, mentre questa estate si procedeva in ogni modo, militarizzando una città intera, a tenere gli aquilani lontani dalle proprie abitazioni spesso visitate da ladri e sciacalli però, ora si chiede di rientrare.
Per parare il parabile di una vergognosa EMERGENZA che, durando 6 mesi, è diventata normalità e non EMERGENZA, per l’appunto.

Mai vista un’emergenza così lunga. Dopo 6 mesi, stiamo ancora alla situazione del 6 aprile con l’inverno già alle porte qui.

Ormai l’agibilità è solo un’opinione e non un dato tecnico. Assumendo un significato beffardo e irriverente:

Case A: ma che stete a fà? rentrete subbito!
Case B: tenete qualche crepa, ma rentrete lo stesso, che ve frega
Case C: a na’ parte deju condominio non se po’ passà, quindi non ji in cantina a pija la genziana, tiettela a casta, lontano dalle crepe!
Case D: boh…le tenemo revedè. Ma mentre aspitti che repassemo, statte a casta
Case E: ngulo sta crepata casta! Però, sa che te voglio ice? Si tu intri piano piano, zumpi pe le scali e sta attento…ma che te frega ce po sta lo stesso. Na cosa: non ji pe ju balcò che se ne casca!
Case F: ma che cazzo tenne frega se la casa deju cornuto deju vicino te se ne sta a cascà sopra? la machina mittila lontano e sta apposto.

Lasciando ai cittadini aquilani di decidere la nuova classificazione, mentre si abbuffano di arrosticini per le strade dove l’illegalità, l’abusivismo e lo scempio paesaggistico è sovrano.

Leggere la nota del Presidente dell’Ordine degli Architetti.

TUTTO QUESTO È UNA VERGOGNA IGNORATA DAI MEDIA INTENTI A DIFFONDERE NOTIZIE DI ESCORT E ACCOMPAGNATRICI.
Solita Italietta.

Be Sociable, Share!
Patrizio

6 Comments »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. E’ incredibile quanto racconti. La cosa assurda è che, come dici tu, nessuno si preoccupa di raccontar ste cose… e poi c’è chi osa dire che l’informazione in Italia non è censurata politicamente!
    Ciao,
    Emanuele

    Comment by Emanuele — 13 settembre 2009 #

  2. A me fa veramente paura che si debba sapere com’è effettivamente la realtà delle cose, da un semplice cittadino e nn da chi di competenza dovrebbe fare informazione!
    Cioè è dittatura allo stato puro, nn si può chiamare diversamente!!

    Comment by Emanuela — 13 settembre 2009 #

  3. leggere notizie così, da chi predica che la stampa nasconde le notizie vere…. uhm… mi sa un pò di ipocrita… è vero tante cose sono giuste di ciò ke hai scritto.. ma viste sotto l’occhio sbagliato… tutti pronti a criticare questo o quello… forse non ci si rende conto della gravità della situazione… e forse non ci si rende conto, ke se non cominciano a facilitare i modi per rientrare l’aquila rimarrà deserta!

    Comment by paolo — 14 settembre 2009 #

  4. Caro Paolo…
    mah…io non so se sei aquilano e in che condizioni stai.

    in 5 mesi invece delle cazzate e false promesse sai quante case si riparavano?
    UH!

    ci hanno COSTRETTO a stare inerti e ora ?
    troppo facile.

    la gente…da mo che se n’è andata….e mo revè

    Comment by Patrizio — 14 settembre 2009 #

  5. Ma scusa ma che vuol “leggere le notizie così”??
    A prescindere dal fatto che di sicuro nn spetta ai cittadini fare informazione (o cmq dovrebbe essere priorità di altri che dicono di fare il mestiere del giornalista), a quale standard dovrebbe corrispondere il post di un cittadino che utilizza uno dei pochi strumenti rimastigli, per far quello che i “giornalisti” nn fanno???

    Secondo te è da sottovalutare e da nn criticare il fatto che certa stampa parli della “rinascita aquilana”, quando invece a sentire chi ci vive, di rinascita nn c’è proprio un bel niente???

    Comment by Emanuela — 14 settembre 2009 #

  6. cose che noi di terremoto09 predichiamo da mesi… senza che nessuno ci consideri :S

    Comment by Monique — 25 settembre 2009 #

Leave a comment

XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Powered by WordPress with Pool theme design by Borja Fernandez.
Entries and comments feeds. Valid XHTML and CSS. ^Top^