Speedy Gonzales

febbraio 27, 2009 on 9:56 pm | In Italia | 1 Commento

Oggi mi è arrivata una raccomandata A.R.

Datata 13 Febbraio 2009. Complimenti 14 giorni.

Che paese di merda. Ridicolo….allucinante….non ho parole….è questo il futuro???

Patrizio

Scovare le differenze

febbraio 20, 2009 on 2:30 pm | In Italia, Politica | Nessun Commento

Indizio: Sempre di un simpatico umorista si parla.

Suggerimento: uno fa ridere veramente, l’altro….viene da piangere mettendosi le mani ai capelli.

ciao bambini!

italietta #65

Patrizio

Quelli erano i sette nani non leader!

febbraio 19, 2009 on 10:42 pm | In Informazione, Italia, Politica | Nessun Commento

Eccoci qua, con l’appuntamento quotidiano con le castronerie del “nostro” Presidente del Consiglio.

Oggi, interpellato da un giornalista a proposito del futuro confronto politico all’indomani delle dimissioni di Veltroni, Berlusconi, sicuro come non mai, afferma di aver già sconfitto 7 leader della sinistra e che l’ottavo sicuramente non interromperà la tradizione.

Ok, niente di speciale, se non fosse che finora non ci sono state sette elezioni!
Nel 1994, la scesa in politica dell’imprenditore operaio, vinse, ma durò poco per colpa di Bossi….ma contro chi competeva? Occhetto? Pannella?
Era l’Italia post Mani Pulite.
Poi nel 96 si scontrò, perdendo, contro Prodi.
Poi vinse contro Rutelli nel 2001, nel 2006 perse contro Prodi (due su due, per questo è stato cacciato , troppo bravo) e il 2008 sappiamo tutti che sconfisse Veltroni.

Quindi io mi sentirei di dire che i veri leader (e mi esento da far partire una lunga discussione sulle qualità di leadership propositiva di entrambi) sconfitti sono solo Rutelli e Veltroni, quindi due.

Da qui a sette la forbice è ampia.

In un paese normale un giornalista, invece di annuire e ammiccare alla classica battuta piena di sè del premier, un giornalista, dicevo, avrebbe chiesto delucidazioni.
Da noi, no, il servizio è interrotto sfumando sul volto sorridente di Berlusconi che, come detto, afferma di essere sicuro di un successo contro “l’ottavo” (il terzo/quarto?) leader.
Ciò che resta alla gente è che lui vincerà. Evvai! Come non dare fiducia a tale persona no?

Ma d’altronde disse che nel 93 Zaccagnini gli aveva consigliato di entrare in politica per fare il bene del nostro paese (e certo!) e che non era riuscito ad accordarlo con Bossi.
Peccato che Zaccagnini fosse morto nell’89. Misteri. A quei tempi non smentiva il giorno dopo come ci ha abituato a fare ultimamente…quindi la cosa passò.

Probabilmente, ha contato i leader del passato, forse fino a De Gasperi?????
Mah.
Italietta #34.

Patrizio

Eutanasia per il Partito Democratico

febbraio 18, 2009 on 11:30 am | In Informazione, Italia, Politica | 3 Commenti

Il PD a soli 16 mesi si è serenamente (?!?!) spento.

Sotto gli attacchi interni di D’Alema, abile a nascondersi nei momenti critici e rispuntare ultimamente per dare il colpo di grazia, Veltroni si è dimesso.

Finalmente. “Yes we can” aveva rubato ad Obama, ma è tutto quello che l’accomunava con il neo presidente USA.

Una campagna elettorale a dir poco ridicola, in cui i temi caldi sono stati silenziosamente ignorati, un’opposizione accomodante e per nulla forte, che ha fatto subito scricchiolare l’alleanza con Di Pietro, una politica vecchia, senza idee, fatta di nulla.

Nonostante questo il PD e Veltroni stesso avevano raccolto tanti voti, ma più per malcontento verso Berlusconi che per propri meriti. Voti che ora si sono spostati, in modo del tutto naturale, verso IdV.

E così sia. Veltroni si è tirato indietro. Quanti rimpianti per Prodi, l’uomo, tradito da Mastella, quello che sta per incassare il debito dal Pdl di Berlusconi nelle imminenti elezioni europee, l’uomo – dicevo – che ha saputo battere due volte Berlusconi grazie a proposte sensate e serie, magari non condivisibili, ma che già a breve termini avevano dato frutti come una importante riduzione del deficit pubblico che è già stata ampiamente rimangiata dal corrente governo in un solo anno.

Stacchiamo la spina a questo PD. Bisogna riniziare, ma facendo tabula rasa.
Non si può andare in giro ancora con i D’Alema o Rutelli, partecipi di tante sconfitte e per decenni in parlamento…a fare cosa? Serve aria fresca, gioventù nuova, anche sconosciuta.

Obama negli USA a 40 anni è l’umo più potente del mondo, noi siamo governati da 90 enni.
Che vogliamo innovare?

A proposito di eutanasia….testamento biologico e altre parole in voga in questo periodo.
Chiudo con la classica dimostrazione di incoerenza:

“L’interruzione di procedure mediche dolorose, pericolose, straordinarie o sproporzionate rispetto ai risultati ottenuti può essere legittima. Si rinuncia all’accanimento terapeutico. Non si vuole così procurare la morte: si accetta di non poterla impedire. Le decisioni spettano al paziente, se ne ha la competenza e la capacità, o altrimenti a coloro che ne hanno legalmente diritto, rispettando sempre la ragionevole volontà e gli interessi legittimi del paziente.”

Cardinale Joseph Ratzinger, catechismo della Chiesa cattolica, 1994, par. 2278.
L’ho letto dal sito di Luttazzi.

Patrizio

Credulità popolare stuprata

febbraio 16, 2009 on 11:17 am | In Informazione, Italia, Politica | Nessun Commento

Il governo degli annunci. del marketing. e che funziona!

Ci si stupisce dell’escalation di stupri e violenze? Come si fa a stupirsi.
Il problema è criminalizzare il rumeno o l’extracomunitario di turno.
No, non che siano dei santi. Ma ci si chiede perchè?

perchè non c’è più polizia in giro. perchè le luci sono spente. perchè la tv ci ha inculcato la cultura del sesso e dei domiciliari con piscina.
ci sono i 3000 soldatini playmobil sparsi nelle grandi città che sono solo un simboletto di quanto incivile è diventato il nostro paese di ben pensanti. uno atterra e pensa di essere a Belfast o striscia di Gaza, invece no, siamo a Piazza di Spagna.

La polizia non ha più fondi. Questa è la realtà.

Quando va bene c’è la benzina. Per fortuna che le auto moderne consumano di meno e la benzina è scesa di prezzo (rilasciamo perdere…) altrimenti con le vecchie Uno a carburatore non se ne vedeva una pattuglia in giro.

C’è il rischio che una voltante stia inseguendo un ladro e rimanga a piedi. o fonda perchè l’olio non è stato cambiato. e non è una battuta.

Le intercettazioni limitate, per così dire, in quanto rasenteranno l’eliminazione, non sono altro che il classico metodo berlusconiano di “eludere tutti per eluderne uno”, stessa storia già vista con la proposta “bloccaprocessi” che avrebbe bloccato tutti i processi d’Italia pur di bloccare il Berlusconi-Mills.
Per fortuna, dico io, il lodo (incostituzionale) Alfano fece contento il vostro (non mio) premier.

A questo punto ripropongo immunità a vita, a B. lo statista, e le sue vicende, in modo che lui possa fare, come già fa, tutti i comodi suoi, ma almeno tutti gli altri no.

Mi viene da piangere.

Patrizio

Piglia e riporta a casa

febbraio 13, 2009 on 3:18 pm | In Informazione, Italia, Politica | Nessun Commento

“Da una lettura attenta del complessivo intervento dell’on. Di Pietro si può escludere che i riferimenti al silenzio mafioso abbiano avuto quale destinatario non lo stesso oratore ma proprio il presidente della Repubblica”

pm Giancarlo Amato sulla richiesta di archiviazione per l’accusa di vilipendio a carico di Antonio Di Pietro.

Non c’è bisogno di altri commenti no?
Quindi, vicenda vilipendio finita, rumeni stupratori arrestati, Eluana in un posto migliore, come distoglieranno l’opinione pubblica dai dati sul PIL 2008, il peggiore dal 1993?

Anche Beckham ha i giorni contanti….e a marzo ritorna a Los Angeles!

Servirebbe un no global….così Cossiga potrebbe consigliare alla polizia come trattarlo.

Nel compenso, a “ben” 29 giorni dalla partenza di Alitalia, lavoratori scioperano perchè senza soldi della cassa integrazione e gli accordi non sono stati rispettati.
Le lettere, dicono, sono state inviate il 10 Feb. Come facevano ad essere pagati a Gennaio?
Tanto che gli frega ai colletti bianchi. Loro mangiano e di mutui manco l’ombra.

Una spolverata di neve crea disagi a non finire perchè non c’è un mezzo scansaneve che giri.
Si so’ “magnati” pure il sale si direbbe. e la benzina.
uh, benzina, petrolio a 35 dollari, e la benzina aumenta. e la differenza con l’europa vola.
vola. allucinante.

Solo da noi può succedere nel silenzio più totale. per fortuna che domenica c’è il derby di Milano, tutti davanti a Mediaset Premium. Alla faccia della crisi.

W l’Italietta.

Patrizio
Prossima Pagina »

Powered by WordPress with Pool theme design by Borja Fernandez.
Entries and comments feeds. Valid XHTML and CSS. ^Top^